News

Visite: 300

Carissima Comunità carmianese e maglianese,

quest’oggi mi accingo a scrivere con un sentimento contrastante di tristezza e di gioia.

Dopo due anni scolastici difficilissimi, ma bellissimi, dal 1 Settembre 2021 non sarò più la Dirigente dell’Istituto Comprensivo di Carmiano e passerò a dirigere il Liceo “Don Tonino Bello” di Copertino.

Devo ringraziare tutta Carmiano e Magliano per l’affetto e la stima dimostratami sin dai primi momenti, sono stati due anni di cambiamenti, di ricostruzione, di nuova impostazione organizzativa, gestionale, metodologica, che mi hanno vista protagonista di sfide non facili, frutto di una vision della Scuola che aveva ed ha l’inclusione come faro. Siamo stati una bellissima squadra che ha voluto giocare e vincere le sfide e questo abbiamo fatto, sempre all’insegna del bene comune, del bene dei nostri piccoli.

Mi preme ricordare il lavoro della segreteria, ottimamente guidata dal Direttore Staiani, personale che inizialmente ha faticato ad entrare in sinergia con la mia accelerata voglia di fare e far bene, ma che poi ha saputo cogliere ogni momento di crescita, raggiungendo livelli di ottima autonomia operativa.

Cosa dire del personale ausiliario: educati, rispettosi, volenterosi, pronti a tutto per la buona riuscita di qualunque iniziativa, parla da sé la rivisitazione colorata dei vari plessi della scuola, una scuola allegra, accogliente, a misura dei nostri bambini e dei nostri ragazzi.

I docenti poi, tanti, tantissimi, inizialmente “troppi”, ma poi diventati “un corpo”, sì di questo sono orgogliosissima, i miei docenti hanno fatto dell’unione tra diversi ordini e plessi, tra Carmiano e Magliano, uno stile di vita umana e professionale. Ricordo i primi giorni, parlavano lingue diverse, programmavano ognuno nel proprio plesso. La rivoluzione “alemanniana” ha sconvolto tutto, inizialmente respiravo diffidenza, dubbio, scombinare un ordine crea una crisi interiore e non solo, ebbene questa crisi ci ha fatto crescere nell’unione e nella stima reciproca. Vi ringrazio, immensamente, siete bravi, onesti intellettualmente, preparati, amate il vostro lavoro e questo vi fa onore, soprattutto per quello che abbiamo dovuto affrontare con la pandemia.

I nostri cuccioli poi, unici, ciascuno nella sua bellissima diversità arricchente; grazie per quello che mi avete donato e insegnato: Edoardo, Antonio, Daniel, Francesca, Giovanna, Sara, tutti tutti tutti! Vi porterò nel mio cuore con la speranza di incontrarvi nella vita, felici, realizzati, amati.

Senza le famiglie in senso classico e non, tutto questo bellissimo idillio non si sarebbe potuto realizzare: grazie a tutti, grazie al Consiglio di Istituto, al Comitato dei genitori a tutti, nessuno escluso.

Grazie inoltre a tutte le associazioni che hanno voluto esserci accanto, grazie all’Ente comune, nei diversi momenti e nelle diverse persone, grazie ai Dirigenti di settore, grazie per la vicinanza, per la costanza e perché avete creduto in me.

Permettetemi un grazie ai miei collaboratori, ai responsabili di plesso, allo staff tutto.

Grazie Giovanni, sei stato essenziale, Antonella, unica, vorrei portarvi con me, lo potrò fare solo portandovi nel cuore, sempre. Grazie per la stima, il rispetto, l’abnegazione. Carmiano ha una forza in voi. Continuate!

Adesso permettetemi di spiegare perché vado via: se non si fosse trattato della mia scuola, del mio Liceo che ho frequentato, che hanno frequentato le mie figlie, mio marito, mio fratello, tutti, tutti noi, dove ho insegnato per tanti anni, dove sono stata vicaria di tanti dirigenti, liceo in cui ho sempre creduto e credo, non sarei mai andata via da Carmiano.

Torno nel mio luogo naturale, arricchita, speranzosa, contenta, pronta a rimboccarmi nuovamente le maniche: le sfide sono il mio forte. Si riparte!

Vi voglio bene

Paola Alemanno

Torna all'inizio del contenuto