Visite: 125

All’insegna della gioia e con entusiasmo alunni e docenti del nostro Istituto Comprensivo hanno ricordato e celebrato oggi, 20 novembre, la Convenzione dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza ratificata dall’ONU nel 1989.

In questo momento estremamente difficile a causa dei conflitti in diverse parti del mondo, l’Unicef Italia ha ritenuto dover dedicare una particolare attenzione alla promozione dell'Art. 38 della Convenzione " Ogni bambino e bambina ha diritto di essere protetto dalla guerra". 

Tutti gli alunni, dalla scuola dell'infanzia alla scuola secondaria di primo grado, sono stati sollecitati e indotti a riflettere sull’importanza della pace e sul diritto alla vita per tutti i bambini, in particolare per quelli che si trovano in zone di guerra.

Le filastrocche, le poesie e un breve dialogo curato dai ragazzini di quarta sono serviti a lanciare un messaggio ai presenti sui temi di riflessione trattati in classe.

I saluti degli ospiti intervenuti (la presidente provinciale UNICEF Daniela Savoia, il vicesindaco Stefania Arnesano, la vicaria Antonella Fiore, la presidente del C.I. Patrizia Spagnolo) hanno sottolineato l‚Äôimportanza di educare alla pace sin da piccoli perch√© ‚ÄúLa pace √® possibile‚ÄĚ laddove si ha cura e rispetto dei pensieri e delle scelte dell‚Äôaltro, per imparare a gestire situazioni anche conflittuali in maniera costruttiva.

I canti e i cartelloni realizzati da tutti gli alunni dell’Istituto hanno rallegrato la manifestazione.

Un grazie a tutti i docenti fulcro della comunità educante, alle associazioni presenti sul territorio che hanno marciato insieme agli studenti dell'Istituto Comprensivo, ai genitori sempre presenti e propositivi, ai collaboratori scolastici attivi e disponibili, ai vigili urbani e alla protezione civile che hanno dato una mano per far sì che tutto si svolgesse in sicurezza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna su